Make your own free website on Tripod.com
La rivoluzione della fantascienza
X-Files e l'influenza sulla società!

Di Sammy "Bluesea"

Se provassimo a chiudere gli occhi e lasciarci andare in un virtuale
viaggio nel passato del nostro mondo ci potremmo rendere conto di
quanto la
vita di migliaia di persone sia cambiata una volta inoltrati nella
scoperta dell'inconnu, come lo definiva il grande Rimbaud.
E allora l'uomo spinto dalla sua ambigua natura e dalla sua
inspiegabile e
affascinante voglia di ricerca della verità si è ritrovato a vagare tra
misteri, paranormale, UFO con l'iiefrenabile desiderio di rispondere ai
suoi perché.
Da più di 50 anni i più grandi registi o scrittori hanno così dato
inizio
all'epoca della fantascienza e di tutto ciò ad essa correlato!
Non toccando il campo del cinema, per quanto riguarda quella piccola
scatola nera , possiamo citare la serie cult Star Trek, unica nel
genere e
il cui successo era ed è legato all'originalità dell'argomento unita ad
una
perfetta correlazione tra effetti speciali, prestazioni artistiche .
Ma in questa sede mi vorrei soffermare su un'altra serie che ormai da
più
di cinque anni occupa i primi posti nelle classifiche di tutto il Mondo:
X-Files!
Ricordo ancora la prima puntata, trasmessa in Italia in seconda serata
e le
critiche levate dai media sulla crudeltà delle immagini, sulle
conseguenze
che poteva avere gli animi più sensibili.. insomma tutte cavolate se mi
lasciate passare il termine per screditare un qualcosa per la quale
all'inizio forse nessuno si sarebbe aspettato un tale trionfo....
Ed ora? Beh, che si può dire, fan club, milioni di siti in Internet,
forum
che spaziano da discussioni interculturali sui vari casi risolti dai due
agenti ormai mitici, a divisioni dei fan tra shipper, noromo, Mulder,
Scully , razionale, spettrale e così via dicendo!!!
Certo per molti, parlo di coloro non molto legati o presi dalla serie, è
solo una delle tante conquiste del mondo televisivo, uno elemento di
presa
commerciale, basta pensare a tutti gli oggetti messi in circolazione,
magliette, pupazzetti, video cassette fino ad arrivare all'ultima
grandiosa
conquista del grande schermo con il film FIGHT THE FUTURE!
Per altri invece è diventato un punto di riferimento anche una
salvezza, ho
conosciuto alcuni ragazzi, non molti a dir la verità, ma un numero
consistente che trovandosi ad un punto morto è andato al la ricerca di
alcuni valori persi e ritrovati grazie al Fenomeno del telefilm!
Sconvolgente, non credete?
Per quanto riguarda i due personaggi principali Fox Mulder impersonato
da
David Duchovny e Dana Scully da Gillian Anderson, beh, sono state dette
miliardi di cose, sono stati spolpati fino alle ossa, analizzati peggio
di
cavie da laboratorio per comprenderne la psiche, i sentimenti, gli
"ineguagliabili coinvolgimenti delle loro esistenze" (The red and The
Black) e sono diventati quasi presenze fisse nel parlare quotidiano!
L'ossessione, la fede in qualcosa di impalpabile, la voglia di dare
risposte, l'ostinata, infinita ricerca di quella verità celata anche
agli
animi più geniali e ancora protetta nello spirito di Dio, tutte
caratteristiche rinchiuse nello spirito di un agente dell'FBI Fox Mulder
dal passato e presente turbolento in contrasto e in complemento con
l'opprimente e straziante razionalità della sua collega se non amica,
unico
oggetto della sua fiducia l'agente Dana Scully, e le vite, la
carriera, le
ideologie di altri protagonisti, dall' enigmaticità riprodotta nel
personaggio dell'uomo che fuma, alla incerta posizione di Skinner e
viavia
dicendo, il tutto in un contesto che varia dal paranormale, alla
fantascienza all'alta tecnologia.... sono questi gli ingredienti che
hanno
contribuito al successo degli X-Files.
Beh, che dire in conclusione? Sarebbe inutile aggiungere nuovi tasselli
al
puzzle interminabile creato negli anni!
Ma vorrei portare avanti un'ultima riflessione:
La verità..... quasi fa paura pensare alla grandezza racchiusa in così
poche lettere, ma cosa è realmente? e cosa ci porta a sprecare i nostri
anni più belli alla sua ricerca?
Si dice che è sempre meglio credere ad una bugia, che gli uomini sono
portati a nascondere la loro ambiguità dietro false credenze perché è la
via più semplice per la sopravvivenza, ma ne vale la pena? Vale la pena
vivere come automi senza cercare o capire il significato dell'esistenza?
Senza dare risposte? e questo è sempre stato alla base delle filosofie
dei
più grandi da Freud, Kierkegaard, ed in fondo anche se stupidamente in
maniera così materiale, serie come Xfiles come Star trek, hanno spinto
alla
riflessione, hanno risvegliato negli animi di molti la voglia di
credere,
in chi? in cosa? , non si sa... il desiderio di lottare, di cercare quel
significato dell'essere e di amare, di continuare a dare un senso a
questo
mondo, che nasconde nella sua stranezza una grandezza di incredibile
portata!


Sammy